IL SENESE TRIONFANTE! BENE, BENISSIMO…

Primo Comune toscano, tra i primissimi in Italia a ricevere il prestigioso riconoscimento, Trequanda possiede un “paesaggio rurale storico” (MA NON è COSI’ TUTTO IL SENESE-GROSSETANO?)

Il Ministero delle politiche agricole ha appena deciso l’attribuzione

Il territorio di Trequanda ha ottenuto il prestigioso riconoscimento di “Paesaggio rurale storico”. L’attribuzione è avvenuta da parte dell’Osservatorio nazionale del paesaggio rurale, delle pratiche agricole e conoscenze tradizionali che si è riunito a Roma il 10 gennaio al Mipaaf (Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali), per giudicare il dossier presentato dal Comune dal titolo “Il paesaggio policolturale di Trequanda”. Si tratta del primo ente locale in Toscana, e tra i primissimi in Italia, a vedere riconosciuta l’autenticità del proprio paesaggio e la tutela della biodiversità: un valore sempre più raro che il Ministero ha sentito il bisogno di “certificare” e tutelare. L’obiettivo da parte di Trequanda è stato raggiunto in collaborazione con l’Associazione nazionale città dell’Olio e con un gruppo di esperti, che hanno lavorato al dossier. Al termine dell’iter della candidatura, nei giorni scorsi, Tiziano Tempesta dell’Università di Padova e Costanzo Massari del Mipaaf avevano verificato sul posto, insieme al sindaco Roberto Machetti, la corrispondenza dei dati e delle mappe con la realtà. La grande armonia del paesaggio ha sorpreso i “commissari” ministeriali inviati a Trequanda, come la commissione presente a Roma. Lo stesso sindaco e la studiosa di questi temi, Martina Venturi, hanno ricevuto apprezzamenti nel corso dell’esposizione del dossier proprio per le caratteristiche del territorio. Emilio Gatto, dirigente del Mipaaf, ha dato l’annuncio del riconoscimento dopo il giudizio a porte chiuse da parte componenti dell’Osservatorio nazionale: un momento emozionante, sancito da strette di mano e da un applauso.

«Abbiamo ottenuto una forma di risarcimento – afferma il primo cittadino di Trequanda – per le tante qualità del nostro territorio, che merita la stessa notorietà di alcune località limitrofe. Essere riconosciuti per l’unicità del nostro paesaggio consentirà, speriamo, di diventare il punto fermo di una strategia che punta al recupero della nostra identità, legata alle tradizioni, ai prodotti locali e alla percezione del valore culturale, produttivo storico e paesaggistico. Un’operazione quindi non solo di tutela, ma di costruzione di una sorta di brand territoriale, in dialogo con la Val di Chiana, la Provincia di Siena, la Toscana. In ogni caso, con l’obiettivo raggiunto, abbiamo mantenuto una promessa fatta in campagna elettorale». A breve è prevista una cerimonia ufficiale, con il ministro Maurizio Martina, per la consegna dell’attestato nelle mani del sindaco Machetti. Intanto, lo stesso sindaco ringrazia «l’Associazione nazionale città dell’olio, i tecnici che hanno lavorato al progetto e gli imprenditori che contribuiscono a modellare un paesaggio così vario e armonioso». A sua volta, il vicepresidente e coordinatore regionale dell’Associazione delle città dell’olio, Marcello Bonechi, dichiara la sua soddisfazione «per aver mantenuto un impegno preso, ed averlo onorato al meglio: ora il Comune di Trequanda ha uno strumento per valorizzare anche il suo patrimonio olivicolo».

Rispondi