ACQUA, CICLOVIE, FRANCIGENA, INQUINAMENTI: QUALE IL FILO CONDUTTORE?

Articoli di questi giorni portano ancora una volta attenzione sul problema
MANUTENZIONE ORDINARIA, il filo rosso che collega i problemi del titolo.

I nostri amministratori pensano a interventi qua e là, a nuove postazioni per biciclette, a nuove ciclovie, tutto meritevole MA QUALCOSA NON TORNA!
In questi giorni leggiamo del Chianti in gravi difficoltà sul problema idrico e per essere posto turistico eccellente da sempre non ha neppure buoni contatti telefonici!
In questi giorni leggiamo che dei volontyari hanno dovuto darsi da fare per ripulire una ciclovia invasa dalle erbacce
In questi giorni si è letto di sentieri della pompatissima Francigena anch’essi bisognosi di manutenzione ordinaria.
Da noi si parla di provincia carbon free con giusta enfasi probabilmente, ma a Siena NON c’è stazione che possa dirci quanto è l’inquinamento atmosferico nel Centro storico, meno che mai si hanno dati per quello acustico per il quale non si sono mai avute certificazioni, a quanto pare, della costosissima ARPAT.
I Senesi possono chiedere ai candidati di cui si parla che ne pensano di questi problemi?
In quale punto delle priorità li mettono?
Quanto sposteranno nel bilancio in dati percentuali di spesa?

Rispondi