TERME: NON C’E’ SOLO CHIANCIANO NEL SENESE!

Abbiamo già avuto occasione di segnalare la ‘dimenticanza’ da parte della Regione Toscana per l’enorme patrimonio termale di cui dispone.

Si parla piuttosto di vino e di Francigena, ad esempio, dei quali non si nega il rilievo economico, ma le TERME sono molte, diffuse e tutte importanti, anche dal punto di vista demografico per certe comunità in luoghi disagiati, per il futuro turistico quando non anche culturale (PETRIOLO).

E’ molto preoccupante, senza entrare nel merito delle forme giuridiche, il silenzio che sta circondando il tema e come si sia giunti alla decisione dell’articolo leggibile al link allegato: vogliamo sperare che le forze culturali, le associazioni ambientali e i movimenti politici della Toscana vogliano alzare alta la loro voce.

Albergatori: “La Regione abbandona il settore termale”

Rispondi