BANDO PER VILLA BRANDI E SAN LEONARDO: BRUTTO SEGNO…CHE FARE?

“Repubblica” nazionale ci ha avvertito dei risultati del Bando ministeriale per la gestione di importanti struttre-beni culturali messi a disposizione di enti per iniziative di valorizzazione.

Bene, le due importanti strutture del territorio di Siena NON hanno avuto concorrenti.

Possibile?

Siamo andati a ristudiare il bando da noi pubblicato a fine novembre.

Ebbene, forse un elemento di debolezza del Bando era la complessità dei requisiti indicati per partecipare.

Chiaro che bisogna evitare concorrenti fasulli, ma in questo modo si è resa difficile la partecipazione.

Meraviglia che persino la Laboratori Fiorentini, ormai presente in forze a Siena, non abbia partecpato.

Comuni e Soprintendenza non potrebbero mandare un autorevole auspicio di semplificazione?
Le assoziazioni ambientaliste non sembrano molto interessate.

Strano.

Il Consiglio comunale di una città Unesco come Siena non potrebbe inviare una motivata raccomandazione al Ministro?

p.s. il  prof. Ascheri ci segnala che alle 15,30, oggi, sienaweb.it trasmette un’intervista sulla ‘Madonna a Siena’.

Rispondi